Rezakiri page header image

Rezakiri



Gloria Fatale


È passato molto tempo dall'ultima volta che sono stato messo al tappeto così duramente. In nome di Sant'Avellaine, cosa mi ha colpito? Ho sbattuto le palpebre di fronte all'alba, ma il bagliore non voleva andarsene. Almeno fino a quando una rapida ombra entrò nel mio campo visivo. La Slayer di Frontiera premette la lanterna contro il mio petto. Mentre un flusso di energia scorreva dentro di me, mi resi conto che non era affatto l'alba.

"Alzati," disse. "Non c'è tempo di riposare. Devi tenere impegnato il Rezakiri mentre rianimo gli altri."

Vidi la Slayer di Frontiera correre verso I miei alleati caduti, tutti quanti rinchiusi in bolle di luce che attaccò con la spada finchè non furono distrutte. Dovevo essere stato intrappolato anche io in una di queste.

Alzandomi, impugnai il mio martello a impatto e inserii un altro caricatore mentre il Behemoth mi caricava, le sue ali incredibilmente luminose.

Rezakiri. Da un'antica parola Andari che significa "la luce che brucia". E il Rezakiri bruciò.

La guida della Slayer di Frontiera


I resoconti riguardo una bizzarra specie di Behemoth che terrorizzava la frontiera erano stati sporadici, ma venivano da fonti affidabili. Il Rezakiri era in grado di assimilare il raro aether radiante e di falciare sia aeronavi che Slayer con potenti fasci di luce concentrata, tutto questo nonostante l'Osservatorio sostenesse che l'aether radiante non si manifestasse a quest'altitudine. Fu questo il motivo che spinse il reggente di Ramsgate a stanziare i fondi per assoldare un gruppo di esperti Slayer per fermarlo.

Il problema successivo fu trovare la bestia. Per questo ci rivolgemmo a una Slayer di Frontiera, una degli intrepidi cacciatori di Behemoth che si spingevano laddove nessun altro poteva... o voleva. Avevo già lavorato con alcuni Slayer di Frontiera prima. Erano strani, in generale, ma molti erano abili cacciatori di Behemoth. Dovevano esserlo per sopravvivere.

Farslayer - Rezakiri Release

Luce Bruciante


Il nostro primo incontro con il Behemoth non era andato come pianificato. Il Rezakiri sfruttava l'aether come mai visto sino ad ora. Raggi di luce ardente scaturivano dalla sua coda cristallina in un primo momento, mentre in quello successivo migliaia di piccoli proiettili letali di energia turbinavano dal suo nucleo per circondarci. Dopo che questi ci colpirono gravemente, bolle di luce solida ci intrappolarono, soli ed indifesi.

Mentre la Slayer di Frontiera liberava il resto del mio gruppo e il Behemoth preparava un altro attacco con la sua lunga coda simile a una frusta, condivise con noi le tattiche di cui era a conoscenza. "La chiave" spiegò "è il movimento. Non restate mai nello stesso posto quando questa si accende. Se non vi spostate dal percorso della luce, questa troverà il percorso per arrivare a voi." Sogghignò ed annuì. "Adesso muovetevi."

L'inquietante strillo del Rezakiri squarciò la notte, una notte che sarebbe presto diventata luminosa come il sole. Corremmo insieme verso quell'alba spettrale.